Che differenza c’è fra uno Scrum Master ed un Project Manager?

Che differenza c’è fra uno Scrum Master ed un Project Manager?

 

scrum masterCi chiediamo oggi chi è lo Scrum Master e se a questo termine corrispondano o meno delle caratteristiche distintive rispetto ad altri ruoli di Project Management.
Lo Scrum Master è un membro di un team di sviluppo di un prodotto, servizio o altro risultato che utilizza la metodologia Scrum – il framework di Project management Agile più conosciuto e utilizzato. Il ruolo chiave dello Scrum Master è quello di aiutare a mantenere il team responsabile rispetto agli impegni di lavoro assunti e di rimuovere eventuali ostacoli che potrebbero ostacolarne la produttività.
Dal momento che lo Scrum Master aiuta il team a rimanere concentrato sulle attività da compiere e allineato sui flussi di lavoro propri di Scrum, il suo ruolo è di insegnare e motivare, non di imporre.
Uno Scrum Master efficace, come qualsiasi altro vero leader, dà l’esempio al team; poiché però non ha l’autorità di licenziare o rimuovere i membri del Team, non è un leader nel senso tradizionale attribuito a tale termine in ambito manageriale.
Accade spesso che il ruolo di Scrum Master venga confuso con altri ruoli organizzativi, fra cui quello di Project Manager.
Lo Scrum Master si differenzia però dal Project Manager sotto molti aspetti di rilievo. La prima ovvia differenza è che lo Scrum Master è un ruolo Agile, mentre il Project Manager è un ruolo tipico del Project Management tradizionale (c.d. “a cascata”).
Oltre a questo, se da un lato è vero che entrambe le figure hanno la responsabilità di mantenere i propri team per così dire “in carreggiata”, il Project Manager è anche a capo del progetto di sviluppo e prende decisioni al riguardo. Inoltre risponde nei confronti del ‘business’ del rispetto delle tempistiche di progetto e del suo successo complessivo.
Anche se i ruoli di Scrum Master e di Project Manager sono molto diversi, è abbastanza comune per i team che cercano di spostarsi dal tradizionale metodo di Project Management a cascata a quello Agile dare per scontato che un Project Manager sarà la scelta naturale per ricoprire il ruolo di Scrum Master. Tuttavia, la figura professionale del Project Manager può incontrare grandi difficoltà a passare a processi Agili, a causa delle diverse modalità di funzionamento dei due tipi di team, tradizionale e Agile.
Essere catapultato in un ambiente come quello Agile – in cui i cambiamenti possono emergere quotidianiamente e sono comunque i benvenuti – può essere un’esperienza stridente per un Project Manager, che proviene da un mondo a struttura rigida, di cui egli ha – almeno in linea teorica – il pieno controllo.
In definitiva, possiamo dire che il termine ‘Scrum Master‘ non è in alcun modo il sinonimo di Project Manager, come di nessun altro ruolo. Questa figura svolge una funzione propria e specifica. Per questo è importante per chi intenda esercitare questo ruolo acquisire una formazione ‘ad hoc’, a prescindere dalla preparazione, dalle competenze e dalle certificazioni – pur indubbiamente più che utili anche in ambiente Agile – conseguite nell’ambito del Project Managemet tradizionale.
Non conosci ancora Scrum e vuoi saperne di più? Clicca qui.
Vuoi iniziare a familiarizzare con Scrum seguendo gratuitamente un corso online che ti consentirà di conseguire sempre gratuitamente la certificazione base (SFC™) e di acquisire anche 10 PDU (professional development units) valide per il mantenimento della certificazione PMP®  di PMI® ? Clicca qui.
Vuoi conoscere la nostra offerta formativa completa di corsi SCRUM e Agile on line, in aula e nella nuovissima modalità virtual classroom? Clicca qui.
PME fornisce inoltre servizi di consulenza orientati all’obiettivo e a costi realmente sostenibili a supporto dei progetti di cambiamento aziendale, promuovendo l’implementazione di una metodologia ibrida di Project Management, tradizionale nella pianificazione e agile nella delivery. Se desideri avere ulteriori informazioni scarica la nostra brochure oppure contattaci

Lo Staff di PME

Scrumstudy Authorized Training Partner

Project Management Europa S.r.l. è Authorized Training Partner di VMEdu e SCRUMstudy
Scrumstudy, SFC, SDC, SMC, SPOC, AEC, SBOK sono marchi registrati di VMedu Inc.
L’immagine “Organization in Scrum” inserita nel testo dell’articolo è tratta da pag. 13 della SBOKTM Guide di ScrumStudyTM, un marchio di VMEdu Inc.
I contenuti del nostro blog, salvo esplicita diversa indicazione con citazione della fonte, sono tutti originali e provengono dal bagaglio di conoscenze, competenze ed esperienze del nostro gruppo di lavoro.

2 Commenti

  1. giorgio 27 dicembre 2017 Reply

    Scrivete: “… il Project Manager è anche a capo del progetto di sviluppo e prende decisioni al riguardo. Inoltre risponde nei confronti del ‘business’ del rispetto delle tempistiche di progetto e del suo successo complessivo …”. Nel caso di Scrum Manager chi assolve tali responsabilità? Cosa succede se lo Scrum team non riesce a essere efficace e cioà non portare mai a successo gli Acceptance Criteria? Il product owner che dice in tale assenza di responsabilità? Grazie

    • Author
      PME Staff 10 gennaio 2018 Reply

      Nei progetti Scrum ci sono tre ruoli core: il Product Owner, lo Scrum Master e lo Scrum Team, che costituiscono collettivamente lo Scrum Core Team. La responsabilità della definizione dei requisiti degli stakeholder (e conseguentemente dei Criteri di Accettazione delle User Story), nonché quella del successo del progetto (quindi la responsabilità di business) fa capo al Product Owner. Questo non significa che gli altri ruoli non abbiano responsabilità, in quanto lo Scrum Master deve garantire al team di sviluppo un ambiente favorevole e protetto da indebite interferenze esterne, rimuovendo gli impedimenti riscontrati dal team, fare in modo che tutti (compreso il product Owner) seguano ed eseguano correttamente i processi Scrum, facilitare la risoluzione di eventuali conflitti all’interno del team, farsi carico della formazione dei singoli e del gruppo ove necessario. Lo Scrum team (Team di sviluppo) è responsabile della corretta esecuzione dei deliverable, della loro rispondenza ai Criteri di Accettazione e ai Done Criteria. Si tratta non di una responsabilità dei singoli, ma di una responsabilità collettiva, la collective ownership che conduce, nell’ottica di Scrum, al cd “buy in”, cioè al pieno coinvolgimento nel progetto e ad una forte motivazione verso il successo dello stesso. La forza di Scrum è comunque nel concetto di collaborazione e di auto-organizzazione, che di per sé escludono – o dovrebbero escludere – la ricerca del ‘capro espiatorio’ nel caso in cui le cose vadano storte, ma anche la personalizzazione del successo qualora tutto vada per il meglio. Per una panoramica sul funzionamento di Scrum le consiglio di vedere questo video

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*